Circolo della Sicurezza

mmmm

  • Il programma del Circolo della Sicurezza (Circle of Security) è stato ideato da Cooper, Hoffman, Marvin, Powell nel 1998 e pubblicato su JCCP nel 2006. Si avvale dalle Teorie dell’Attaccamento di Bowlby, con influenze winnicottiane.
  • E’ un percorso psicoeducativo per genitori di bambini dalla nascita ai 18 anni di età, che viene proposto in tutto il mondo in modo standardizzato, è un programma esperienziale, supportivo che viene offerto ai Genitori (Parenting). Durante il percorso che prevede 8/10 incontri di un’ora e mezza, i genitori vengono coinvolti a molti livelli personali, della propria storia sia rispetto a quando erano solo figli, poi coniugi e ora genitori. Nel programma di psicoeducazione si osserveranno diversi video, tratti dal DVD fornito dal circuito interazionale del Circolo della Sicurezza, si lavora su schede e sono previsti momenti di confronto.
  • Questo percorso permette, non tanto di avere la strategia o la tecnica giusta per affrontare i momenti difficili con i propri figli, bensì di acquisire una modalità nuova ed efficace di “essere con” il proprio figlio, un modo nuovo di vedere i comportamenti del bambino, non etichettandoli in modo semplice, ma comprendendoli profondamente, comprendendo cosa accade nei momenti problema sia a loro che ai genitori stessi, rendendoli capaci e competenti nell’affrontare poi i momenti critici.

    Gli obiettivi principali del programma sono:

    Valorizzare e rinforzare le capacità di accudimento, già biologicamente presenti in ognuno di noi, rinforzando il legame di attaccamento genitore-figlio;
    Identificare e riconoscere i bisogni emotivi dei bambini, in ogni fase evolutiva e di crescita;
    Aiutare i genitori a comprendere i propri bisogni emotivi di front al bambino;
    Aiutare i genitori ad accompagnare e a “essere emotivamente con” i propri bambini sia nel momento della vicinanza, sia nel momento del distacco;
    Riconoscere i momenti più difficili nella quotidianità della relazione con il proprio figlio e imparare insieme a “riparare” tali rotture;
    Riscoprire le modalità più efficaci per vivere una relazione sicura e serena nel tempo;
    ✓Aiutare il genitore a divenire una base sicura per il proprio figlio.

  • Il precorso del CoS può essere integrato con un trattamento psicoterapeutico con la coppia genitoriale, può essere un modo di trovare strategie comuni stabili di cooperazione e complementarietà, permette di discriminare quali sono le competenze genitoriali della coppia e di rafforzarle, oltre a permettere di indagare quegli aspetti legati alle dinamiche di coppia che vanno a ostacolare gli atti educativi e il compito di “fare squadra” come genitori.
    Si tratta di uno strumento agile, che consente un’intervento breve e mirato, che si può proporre come forma di prevenzione importante per la psicopatologia infantile.
    Il circolo della sicurezza può essere proposto sia a singoli genitori, a coppie di genitori oppure a gruppi di genitori.

  • Il terapeuta fornirà ai genitori un modello di base e porto sicuro affinchè il parenting possa diventare un’esperienza emozionale correttiva e un modello relazionale non giudicante, che consente ai genitori di fare altrettanto con i propri figli mentre interagiscono con loro. Impegnano i genitori in un dialogo riflessivo di tipo maieutico e non psicopedagogico. Non si lavora principalmente sul comportamento dei genitori ma sullo stato mentale . L’uso del video feedback è fondamentale per questo obiettivo perché sviluppa una conoscenza relazionale implicita di tipo procedurale piuttosto che una modalità razionale esplicativa.

    Tale percorso viene offerto in differenti modalità:

    • Genitori in fase pre-parto / post- parto (0-2 anni)
    • Genitori di bambini in età pre-scolare e scolare (3-10 anni)
    • Genitori di ragazzi pre-adolescenti e adolescenti (10-18 anni)
    • Incontri per insegnanti ed educatori

    Molti genitori alla fine del percorso hanno affermato che sarebbe stato opportuno effettuare un programma simile già durante la gravidanza!