La Mia Storia

Dott.ssa Manuela Vitiello
Psicologa dell’età evolutiva e famiglia
Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Psicomotricista
-Counselor
– Mediatrice Feuerstein: Metodo per il Potenziamento e la riabilitazione cognitiva.
– Educatore COS: programma di Parenting  Circle of sicurity (Circolo della Sicurezza), per lavorare con i genitori sulla formazione del legame di attaccamento.
– Esperta in Psicoprofilassi al parto (Gruppi di accompagnamento alla nascita ed alla genitorialità  pre/ post partum)
– Laboratori per bambini

Il filo conduttore della mia formazione, nonché delle mie esperienze personali e professionali sembra essere l’infanzia, la disabilità ed infine la famiglia.
Da sempre ho avuto interesse ed amore per i bambini e questo mi ha portata a lavorare con loro ed a scegliere come indirizzo di studi Psicologia dello sviluppo e dell’educazioneIl lavoro con i bambini in tutte le sue forme mi entusiasma e mi diverte sempre, da tutte le esperienze vissute con i bambini sono sempre uscita molto arricchita. Negli anni mi sono avvicinata al volontariato, inizialmente con persone adulte disabili, questa esperienza all’interno del Gruppo Hgruppo di volontariato per e con persone disabili facente capo all’associazione onlus Noinsieme, mi ha aperto un nuovo mondo dove potermi sperimentare e crescere e dal quale ho imparato tanto, oltre ad aver scoperto e sperimentato nuove parti di me, che sono divenute poi aspetti importanti del mio lavoro. Una di queste scoperte riguarda l’attività teatrale, sottoforma di laboratorio, che nasce per gioco e diventa passione,  con entusiasmo la porto avanti da otto anni nel gruppo di volontariato, e che poi l’ho trasformata in lavoro con i bambini.
Nel tempo si è aggiunta una nuova esperienza di volontariato che coniugava insieme due dei miei mondi: i bambini e la disabilità. Nel 2005 infatti è cominciata la mia avventura come volontaria per l’Associazione, ora Fondazione internazionale, “Il Giardino delle Rose Blu”, nell’ospedale pediatrico in Croazia, a Gornja Bistra vicino Zagabria, dove sono presenti bambini con malattie genetiche rare; dopo un iniziale momento di “terrore”, questi bambini mi hanno rubato il cuore e dal momento in cui uno di loro mi ha guardata negli occhi sorridendo, proprio quando stavo per fuggire via, hanno iniziato a far parte della mia vita ed io non ho più smesso di partire per Gornja appena mi è possibile, così ho potuto vedere i cambiamenti e le vittorie di alcuni di quei bambini! È una grande gioia sapere di aver contribuito a dei miglioramenti nelle loro difficili vite. Da questa grande esperienza prende vita la mia tesi di laurea “Disabilità e qualità della vita: un modello integrato”.
A seguito di questa esperienza ho incontrato alcune persone sulla mia strada che mi hanno fatto conoscere un metodo di lavoro che era vicino al mio modo di essere, che si basa molto sulla mediazione, Il Metodo Feuerstein, è un metodo per lavorare sulla riabilitazione cognitiva che parte dal presupposto che il sistema nervoso sia modificabile e flessibile, tramite un esercizio costante che appunto si basa sulla mediazione tra gli input in entrata e output in uscita:apprendimento mediato.
Durante il corso di studi e soprattutto dopo nel tirocinio professionalizzante presso il Servizio T.S.M.R.E.E. (tutela salute mentale e riabilitazione dell’età evolutiva) della ASL RM B, Via delle Resede,1Roma e successivamente presso il Servizio U.O.C.N.P.I.D.T.F. (Dipartimento tutela Materno infantile e della genitorialità – Neuropsichiatria Infantile) della ASL RMB, Via San Benedetto del tronto,9, Roma , sono diventata consapevole di quanto un bambino sia parte integrante di una famiglia e di quanto un problema di questo sia un problema di tutto il nucleo familiare. Ho fatto esperienza sul campo di come un intervento indirizzato esclusivamente al bambino manca di una parte importante e non sia completo; ho preso quindi coscienza dell’importanza della famiglia nel lavoro con i bambini, nella loro crescita e nel loro sviluppo. Tutto questo mi ha portata a scegliere come Scuola di Specializzazione in Psicoterapia l’Accademia di Psicoterapia della Famiglia, ad orientamento sistemico relazionale.
Tra i vari corsi di aggiornamento non poteva mancare quello per poter svolgere i Gruppi di accompagnamento alla nascita, essendo quello il momento in cui una coppia diviene familgia.